Cose (e)inaudite – Sorridiamo al mercato

Tra i tanti falsi luoghi comuni(sti) cui facevamo riferimento la scorsa settimana, vi è quello per cui determinati beni e servizi non potrebbero essere lasciati al mercato: vuoi in virtù di loro particolari caratteri (in particolare, la loro non rivalità e non escludibilità, che hanno portato la teoria economica classica a definirli beni pubblici); vuoi perché sono troppo importanti e dei privati cattivi non ci si può fidare, anche perché un giorno potrebbero sospendere l’erogazione e ricattarci; vuoi perché si è convinti che costerebbero troppo e molti non se li potrebbero permettere, per cui deve intervenire lo Stato a fornirli, preferibilmente in regime monopolistico.

Leggi il resto dell’articolo →

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...