I ticket sanitari in controluce

La proposta di risparmiare cinque miliardi di euro nella sanità fra il 2012 e il 2014 attraverso l’introduzione di nuovi ticket (anche sui ricoveri ospedalieri) modulati sul reddito ha immediatamente suscitato scalpore e, prevedibilmente, è stata prontamente seguita dalla smentita del Ministro della Salute Balduzzi.

Per raggiungere l’obiettivo sono previste due ipotesi: o una franchigia sulle spese sanitarie in base al reddito tra il 7 e il 9 per mille, oppure l’introduzione di sei scaglioni di reddito (6.000, 12.000, 18.000, 30.000, 40.000 e oltre 40.000 euro), con ticket modulati, per cui solo la prima risulterebbe esente da ticket. Nel secondo caso, dai 12 mila euro in su si pagherebbero 1 o 2 euro sui farmaci, da 10 a 180 euro sui ricoveri in day hospital e da 10 a 200 euro per i ricoveri ordinari.

Era davvero così necessaria una ritrattazione immediata? Per rispondere a questa domanda, si considerino alcuni dati relativi alla spesa sanitaria evidenziati nel Rapporto 2012 “Il Sistema Sanitario in controluce‘” della Fondazione Farmafactoring.

Leggi il resto dell’articolo →

— Lucia Quaglino 
twitter.com/luciaquaglino
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...