Cose (E)inaudite – Più sussidi per tutti

Nuovo articolo di Riccardo de Caria per la consueta rubrica de Lo Spiffero “Cose (E)inaudite” dedicata a temi liberali e il cui nome rende omaggio al grande economista di Dogliani nel cinquantennario della sua morte.

La “cultura del sussidio” prodotta da decenni di assistenzialismo è riuscita a unire cane e gatto, ovvero le delegazioni piemontesi rispettivamente di Confindustria e di Cgil, Cisl e Uil. Divise su tutto, queste associazioni han trovato ciò che le mette d’accordo: chiedere soldi.

Qualche giorno fa, hanno infatti presentato un piano in cui chiedono alla politica l’ennesima tornata di contributi per rilanciare l’occupazione (e la politica ha detto subito sì). Se questo è il massimo di inventiva di cui son capaci, non stupisce che siamo in crisi: la politica ha enormi colpe, ma anche le organizzazioni di categoria hanno le loro. Prima fra tutte, proprio l’andare così tanto a braccetto con la politica (non a caso Marchionne, che ha almeno in parte interrotto la storica prassi acchiappa-incentivi della FIAT, l’ha pure fatta uscire da Confindustria).

Ciò che manca sempre, in simili proposte, è un’onesta spiegazione di dove andare a prendere le risorse che si reclamano. Vuoi per negligenza, vuoi per voluta omissione, non si fanno mai i conti con un dato tanto banale quanto ineludibile: i soldi non crescono sugli alberi.

Leggi il resto dell’articolo originale

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...